(VTA-1686) - Terreno edificabile in zona residenziale di Pesche

Via San Sebastiano snc, Pesche 86090 Isernia
Add to bookmarkAdded

Sommario

Identificativo:
VTA-1686
Indirizzo
Pesche 86090 Isernia
Prezzo
€ 50.000,00
Tipologia:
Vendita
Categoria:
Terreno edificabile
Superficie Totale:
3080 m2
Superficie Coperta:
0 m2
Stanze:
0
Camere:
0
Bagni:
0
Ascensore:
Si
Riscaldamento:
Altro
Anno di Costruzione:
Non Disponibile
Classe Energetica:
Altro
Visitatori:
18
Data Inserimento:
13/09/2020

Descrizione

In zona residenziale di Pesche, terreno in lotti adiacenti per superficie complessiva di 3080 mq distinti in un lotto identificato come "Zona B1" - Ristrutturazione Edilizia di 680 mq e Zona "C2" - Espansione Semintensiva di 2400 mq; come riportato nel Certificato di destinazione urbanistica vagliato dal comune.

La zona B1 - Ristrutturazione edilizia riguarda le zone del centro urbano in cui esiste edificazione superiore al 12.50% (1/8) della superficie fondiaria della zona a norma del D.M. 2/4/1968 e che non presenta nessuna caratteristica tale da essere incluso nella zona A. Fatta eccezione per le aree individuate nella cartografia col simbolo B1/9/10/11 in cui sono consentiti interventi di sola manutenzione straordinaria sugli edifici esistenti, è ammella la Concessione Edilizia singola da rilasciarsi nel rispetto delle seguenti norme: A) Per gli edifici esistenti: sono ammessi ampliamenti allo scopo di migliorare le condizioni di stabilità e fino a raggiungere, verso la pubblica strada, l'allineamento con edifici limitrofi appartenenti alla stessa cortina edilizia. Verso gli spazi liberi retrostanti e laterlai sono ammessi ampliamenti con le stesse norme per i lotti interclusi fatte salve le norme per il distacco minimo tra edifici confinanti pari a mt. 100.00 e nel rispetto dell'infiice di fabbricabilità fondiaria. Sono ammesse soprelevazioni sull'intero perimetro dell'edificio esistente, fermo restando i limiti di "distacco" e verifica degli indici di cui sopra, fino al raggiungimento dell'altezza degli edifici adiacenti lungo la stessa cortina edilizia e fino al massimo di mt. 7.50 mediando le altesse sui fronti opposti. Sono amesse trasformazioni di singoli edifici mediante demolizione e ricostruzione fino al raggiungimento dell'altezza degli edifici circostanti e non oltre l'altezza di mt. 7.50. B) Per le aree aventi carratteristiche di lotti interclusi e cioè di aree libere poste a margini di strada pubbliche e comprese tra edifici esistenti o tra edifici ed altra strada pubblica, al fine di dare continutià alla cortina di appartenenza, è ammessa l'edificazione sull'intera area e in aderenza con pareti prive di aperture di edfici preesistenti o lungo la linea di confine dei lotti adiacenti, nei limiti dei volumi consentiti dagli indici di fabbricabilità purché ci si allinei verso gli spazi pubblici, agli edifici limitrofi esistenti. In nessun caso la distanza minima tra fabbricati può essere inferiore a mt. 10.00, per le altezze valgono le stesse norme inidicate per le sopraelevazioni. C) Per le Aree Libere non aventi caratteristiche di lotti interclusi, è consentito costruire in rretrato rispetto l'allineamneto tra gli edifici esistenti. E' possibile costruire lungo la linea di confine tra lotti adiacenti, o in aderenza con pareti prive di aperture di edifici preesistenti o chiedendo la comunione del muro ai sensi dell'art. 874 del c.c. . Ai fini del computo delle distanze tra confini privati o tra pareti fronteggianti non vengono considerate le scalinate aperte di accesso. In tali zone, oltre alle destinazioni d'uso residenziali, sono altresì consentiti insediamenti per attività terziarzie (uffici, botteghe per singole attività artigiane, negozi, ecc) con esclusione di attività di tipo molesto. Valgono inoltre le seguenti norme generali: indifice di fabbricabilità fondiario mc/mq 1.00, altezza massima degli edifici mt. 7.50, numero massimi di piani fuori terra nr. 2, distanza minima tra edifici mt. 10.00, distacco minimo tra confini privati mt. 5.00, distanza minima tra strade comunali o secondo allineamenti con fabbricati esistenti mt. 5, lotto minimo mq. 400, indice di copertura mq/mq 0.40, da cui non cosniderarsi in caso di lotto intercluso di cui al punto B precedente.

La zona C1 di espansione intensiva comprende le aree destinata alla nuova edilizia residenziale con la costruzione di edifici di tipo isolato o a schiera. In tale tipo di zona vanno disitnte quelle già urbanizzate in cui l'edificazione è consentita attraverso il rilascio della Concessione Edilizia "Singola", da quelle ancora da urbanizzare in cui l'edificazione sarà consentita solo attraverso l'approvazione di Piani di Lotizzazione su iniziativa pubblica e/o privata, Piani Particolaregiati o mediante la formazione di Comprarti Edificatori, nel qual caso, l'area di intervento dovrà avere superficie non inferiore a 4.000 mq. In ciascuno dei casi innanzi menzionati l'edificazione avverrà in base ai seguenti parametri e norme fondamentali: indifice di fabbricabilità terriotoriale mc/mq 0.60, indice di fabbricabilità fondiario mc/mq 0.80, altezza massima degli edifici mt.  7.50, numero massimo di piani fuori terra nr. 2, distanza minima tra edifici mt. 10.00, distacco minimo tra confini privati mt. 5.00, distanza minima tra strade comunali mt. 7.50, superficie minima lottizzabile mq. 4000, lotto minimo mq. 700, indice di copertura mq/mq 0.40. Nelle case a schiera e per convenzione tra i proprietari il distacco tra pareti potrà essere nullo. Non sono ammesse costruzioni accessorie staccate dall'edificio principale. In tale zona, allo stato attuale, per la mancanta richiesta di aree, non sono state individuate le zone da destinare all'Edilizia Economica e Popolare le quali, in caso di futura e comprovata necessità, saranno individuate dall'Amministrazione con Delibera, sempre nell'ambito delle zone C disponibili.

I terreni consento di costruire rispettivamente fabbricati per una superficie di 240 mq e 480 mq per 720 mq complessivi.

Altre Caratteristiche

Mappa

Contattaci

Invia Messaggio